Itinerario Terremoto

terremoto_2UNA TERRA CHE TREMA
Il 6 maggio 1976 la terra del Friuli Venezia Giulia trema. Il terremoto è del 6.4° grado della scala Richter. Gemona e Venzone vengono messe in ginocchio dalla furia distruttrice di quella terra che tanto amavano. Il crollo è quasitotale. A quarant’anni dal sisma vogliamo riflettere sull’importanza della solidarietà che ha permesso la ricostruzione, e la grande dignità, lo spirito di sacrificio e l’impegno con cui la gente del Friuli ha trovato la forza di rialzarsi.

PROGRAMMA:

Ritrovo A Gemona, Alle Ore 10.00, Nella Sede Della Mostra “1976 – Frammenti Di Memoria”.

La giornata comincerà con la visita alla mostra “Frammenti di memoria” dove si ripercorreranno, attraverso fotografie e video d’epoca, i cambiamenti di una città che ha dovuto confrontarsi con la furia devastatrice della natura. Gemona negli scatti del settembre 1956 viene mostrata come una città fantasma, irriconoscibile.E ora, 40 anni dopo, rinata da quelle macerie, si ripresenta in tutto il suo splendore.

La mattinata proseguirà con una passeggiata per il borgo permetterà di osservare l’efficienza di quel “modello Friuli” che racconta al mondo la voglia di rialzarsi e di non lasciarsi abbattere: il Duomo, via Bini, Palazzo Elti, il Palazzo Comunale così come tutto il centro storico di Gemona vennero ricostruiti dove erano e come erano.

Ci sposteremo poi a Venzone dove un esperto del luogo ci accompagnerà per le graziose vie di uno dei borghi più belli d’Italia, in un viaggio nei luoghi della memoria, per osservare la magistrale e puntuale ricostruzione avvenuta dopo il sisma. Di grande impatto emozionale è la straordinaria imponenza del Duomo che venne ricostruito per anastilosi recuperando le pietre dalle macerie e ricollocandole nell’originaria posizione. Per il pranzo saremo ospiti al ristorante “Caffè Vecchio” dove si potranno gustare le specialità locali.

Nel primo pomeriggio la visita di Venzone si concluderà negli spazi della mostra “Tiere Motus. Storia di un terremoto e della sua gente”.

Lasciata Venzone ci si dirigerà verso un ultimo esempio di ricostruzione: lo straordinario Castello Savorgnan di Artegna, gioiello architettonico custode di antiche memorie che dal Colle di San Martino domina tutta la pedemontana. Dopo la visita accompagnata del Castello e della chiesetta di San Martino la serata si concluderà ammirando il sole tramontare dal panoramico terrazzo del Castello dove verranno serviti vini e prelibatezze gastronomiche della zona.

Contattando l’Agenzia Viaggi si potranno reperire informazioni su pernattamento, punti di ristoro o programmazione di itinerari e soggiorni di più giornate, per singoli gruppi e scolaresche.


progetto-senza-titoloPer informazioni e prenotazioni:
Agenzia di Viaggio e Turismo Arteventi
turismo@arteventiudine.it

342 1660144

Da vedere, gustare e provare… Schede di approfondimento
Artegna
Venzone
Ristorazione e pernottamenti
Accessibilità
Eventi Speciali al Castello di Artegna
Concerti